Morena Visani riconfermata Segretaria generale Filcams Cgil di Imola

Proseguono i congressi di categoria della Camera del lavoro di Imola.
Oggi, 9 ottobre, si è tenuto quello della Filcams Cgil imolese, che rappresenta le lavoratrici e i lavoratori del commercio e dei servizi, dopo 40 assemblee di base in cui sono stati eletti i 44 delegati che costituiscono la platea di questo IX congresso.
Morena Visani è stata riconfermata Segretaria generale della categoria con 21 voti favorevoli e 1 scheda bianca.
«La nostra categoria – ha sottolineato Morena Visani – da sempre è stata caratterizzata da alcuni settori fortemente polverizzati, ma negli ultimi anni la precarizzazione è aumentata esponenzialmente. Di questo fenomeno ci accorgiamo sia nell’utilizzo di personale precario all’interno delle aziende strutturate, sia nella gestione quotidiana della tutela individuale che ci fornisce la fotografia di una categoria in forte espansione ma con un massiccio turn over. Così come nel nostro territorio in questi ultimi anni ci siamo trovati a fronteggiare richieste da parte delle aziende di sempre maggiore flessibilità, giustificate dalla necessità di rispondere ad un mercato sempre più variabile. C’è poi il tema della liberalizzazione degli orari commerciali, le cui ricadute hanno interessato non solo chi lavora nei supermercati e centri commerciali, ma gran parte delle lavoratrici e dei lavoratori di altri settori che la Filcams rappresenta, pulizie, ristorazione, vigilanza. Con la precedente Amministrazione comunale si era avviato un percorso di confronto tra tutti i soggetti interessati, associazioni d’impresa, alcune catene della grande distribuzione presenti sul territorio e le organizzazioni sindacali, al fine di poter stabilire una sorta di autoregolamentazione territoriale. Riteniamo importante riproporre questo tema anche alla nuova Amministrazione.
Sempre più persone si rivolgono ai nostri uffici chiedendo di essere tutelati e, anche grazie all’impegno costante delle delegate e dei delegati, la Filcams è diventata una delle categorie maggiormente rappresentative a livello locale, con 2026 iscritti con 45 aziende sindacalizzate».