Per gli iscritti Spi Cgil la polizza in caso di infortunio è confermata anche per il 2012

La polizza in caso di infortunio (CON NUOVE CONDIZIONI) è confermata anche per il 2012.

L’assicurazione è operante nei confronti di tutti gli iscritti allo SPI – CGIL, assiste con una indennità giornaliera i casi di infortunio qualora l’interessato sia stato assistito o ricoverato in struttura pubblica, con l’applicazione di una ingessatura, ovvero di fasciature contenitive o di altro mezzo di contenzione comunque immobilizzante. L’indennità giornaliera verrà corrisposta , ma solo per il periodo di guarigione prescritto dall’Istituto di cura anche nel caso in cui sia stata accertata una frattura del bacino, al femore, al coccige, alle costole, che per la cura non necessiti dell’applicazione di una ingessatura , di una fasciatura contenitiva o di altro mezzo di contenzione immobilizzante.

Il periodo massimo indennizzabile sarà complessivamente di 10 giorni per ogni evento (comprensivi di ricovero e periodo di guarigione prescritto dal luogo di cura) e sarà indennizzato con una indennità giornaliera di 10 euro. I primi 5 giorni, non saranno indennizzabili.

Il sinistro deve essere denunciato entro il termine perentorio di 30 giorni dalla data di uscita/dimissioni dal luogo di cura.

Ricordiamo che la denuncia dell’evento deve essere inoltrata alla compagnia assicuratrice (Unipol) tramite gli uffici territoriali dello SPI -CGIL, e dovrà essere completa con la seguente documentazione: copia della tessera SPI – CGIL per l’anno in corso copia di un documento di riconoscimento dell’iscritto certificato rilasciato dal luogo di cura che indichi chiaramente la data dell’accesso, della dimissione e dei motivi della stessa nel caso di ingessatura (o equivalente) la documentazione dovrà specificare il mezzo di contenzione applicato e del periodo prescritto, negli altri casi (dove non si applica il gesso o la contenzione), l’assicurato dovrà produrre il referto medico comprovante la frattura ed il periodo di guarigione prescritto dal luogo di cura.