Basta maltrattamenti agli anziani!

ADESSO BASTA! Basta con i maltrattamenti di persone anziane “ospiti” in strutture della nostra regione.

Il 28 marzo a Sant’Alberto, in provincia di Ravenna: in una Casa Famiglia, i Carabinieri hanno trovato alcuni anziani ultranovantenni soggetti a violenze e vessazioni; una di loro pare fosse legata al letto con una catena.

Il 29 marzo nella bassa Reggiana, in una struttura convenzionata e quindi accreditata dal Servizio Sanitario pubblico e gestita da una nota cooperativa sociale.

Sono stati arrestati, indagati, sospesi dal servizio diversi operatori: persone che dovrebbero garantire assistenza, conforto, dignità ad anziani fragili o non autosufficienti e che si trasformano in aguzzini con comportamenti di inaudita violenza che mortificano innanzitutto la sensibilità e l’umanità di chi li mette in pratica senza alcun ritegno, senza vergognarsi di se stessi.

Due casi che si aggiungono ad altri già registrati in regione e dimostrano una volta di più la necessità urgente ed assoluta da una parte di definire una regolamentazione chiara delle Case Famiglia, strutture totalmente deregolamentate che chiunque può aprire senza alcuna autorizzazione, dall’altra di mettere in atto controlli efficaci anche sulle strutture accreditate. Gli anziani che sono costretti a vivervi, hanno diritto ad una assistenza di qualità che garantisca loro innanzitutto rispetto e condizioni di vita dignitose: C’è una responsabilità diretta delle strutture, degli operatori, ma anche delle famiglie che devono vigilare attentamente sul modo in cui sono trattati i propri familiari. E una responsabilità altrettanto precisa sta in capo alle Aziende Sanitarie, ai Comuni, alla Regione: Spi Fnp Uilp regionali hanno posto da tempo queste esigenze e chiedono in particolare alla Giunta Regionale di attivare rapidamente un tavolo per definire regole chiare di riferimento per l’apertura e il funzionamento delle Case Famiglia e di definire meccanismi di controllo continui ed efficaci.

Spi Fnp Uilp regionali hanno piena fiducia nelle forze dell’ordine e nella Magistratura: danno sin d’ora mandato alle corrispondenti strutture territoriali di Ravenna e Reggio, di verificare la possibilità di chiedere la costituzione di parte civile nei dibattimenti processuali che saranno eventualmente avviati.

Bruno Pizzica – Spi-Cgil ER

Loris Cavalletti – Fnp-Cisl ER

Rosanna BenazziUilp-Uil ER