Azienda USL Imola in caduta libera

Situazione difficile presso le Unità Operative dell’Azienda Usl di Imola in relazione alla carenza di organico diventata ormai un problema strutturale che sottopone gli operatori a turni sempre più pesanti.

Le direttive regionali che hanno limitato il turn-over prima e l’entrata in vigore della legge 161, che ha negato alle Aziende la possibilità di derogare le undici ore di riposo poi, hanno creato una situazione dove sono proliferati tempi determinati e stanno saltando i turni standard a favore di turni che prevedono fino a 12 giorni lavorativi consecutivi nei reparti, in un contesto dove l’età media di chi lavora aumenta costantemente così come i dipendenti con problemi fisici legati all’usura lavorativa.
Arrivando anche ad utilizzare personale adibito ai servizi territoriali per coprire i buchi del personale presente in ospedale, invertendo così il paradigma della prevenzione. Si dichiara, nella teoria, la volontà di investire nella prevenzione per evitare lo sviluppo di malattie acute, mentre invece la si sguarnisce a favore delle difficoltà della garanzia delle cure ospedaliere.

Una situazione grave che incrocia lo stato di malessere del personale sulla nebbia che avvolge lo sviluppo delle reti cliniche con Bologna e l’incapacità di ascoltare, da parte della Direzione Generale, il punto di vista del personale sulla questione della cessione di ramo d’azienda del laboratorio dove si procede contro tutto e contro tutti a decorrere dal primo agosto 2016.
Laboratorio peraltro assillato da problemi tecnologici ed informatici che si sostanziano nella necessità di prolungare le attività oltre gli orari standard.
Nulla di buono in vista.

Abbiamo per questo deciso di procedere all’esame congiunto della cessione con la volontà di aprire uno stato di agitazione se le richieste del personale rimarranno inascoltate e di indire un’assemblea per sentire il punto di vista di chi lavora nei reparti.

CGIL FP – Marco Blanzieri
CISL FP – Alessandro Lugli
UIL FPL – Giuseppe Rago