Positivo il ricorso del Comune di Imola contro la riforma Gelmini

È di questa mattina la notizia che il Comune di Imola ha deciso di costituirsi “AD ADIUVANDUM” nel ricorso al TAR del Lazio presentato da oltre 750 cittadini (un centinaio quelli di Imola), costituitisi in coordinamenti, associazioni, gruppi e comitati in difesa della scuola pubblica di qualità, contro i provvedimenti applicativi del riordino della scuola secondaria superiore.

La FLC CGIL di Imola non può che esprimere un forte apprezzamento per questa decisione assunta dal Comune di Imola, che darà certamente maggior forza alle giuste istanze di tutti quei docenti, genitori, personale ata e studenti che nell’udienza di merito del 17 febbraio p.v., chiederanno al tribunale amministrativo regionale di annullare le circolari sugli organici e le relative circolari su iscrizioni e mobilità del personale della scuola.

La FLC CGIL in questi anni si è sempre battuta al fianco di chi non accetta di veder distruggere la scuola pubblica, promuovendo a sua volta un analogo ricorso, allo scopo di denunciare e far annullare i provvedimenti del ministro Gelmini che non sono solo devastanti per la scuola pubblica, ma sono risultati anche “illegittimi”, come acclarato dalla stesso TAR del Lazio, nell’ordinanza del 19 luglio 2010.