Il 16 giugno a Roma per lavoro, crescita, fisco e welfare

La manifestazione unitaria di Cgil Cisl e Uil a Roma, inizialmente prevista per il 2 giugno e rinviata dopo il terremoto che ha colpito l’Emilia, si terrà sabato 16 giugno per una riforma strutturale del fisco, per favorire l’occupazione e lo sviluppo e affinchè il welfare non sia considerato un costo, ma una risorsa.

I sindacati unitariamente rivendicano meno tasse per lavoratori e pensionati, più risorse per l’occupazione e una svolta epocale nella lotta all’evasione fiscale e, come si legge nel documento unitario, denunciano l’assenza di politiche per la crescita. In Italia la grave crisi economica e l’emergenza finanziaria sono state affrontate esclusivamente, affermano CGIL, CISL e UIL “attraverso drastiche, quanto ingiuste, misure sul sistema pensionistico, volte solo per fare cassa, e attraverso l’ulteriore aumento dell’imposizione fiscale, soprattutto sui redditi fissi”, utilizzando strumenti come: l’IMU sulla casa di abitazione, le addizionali IRPEF regionali e comunali, gli aumenti IVA e dell’accise sulla benzina, il blocco della rivalutazione delle pensioni sopra tre volte il minimo. Si colpiscono così, ancora una volta, avvertono i sindacati, lavoratori dipendenti e pensionati.